martedì 20 dicembre 2011

Sul Sentiero Frassati

Sabato 3 dicembre 2011
Il Sentiero Frassati dell’ Emilia Romagna è posto nell’alto appennino faentino, ai confini con la Toscana, nell’alta valle del Sintria, ricompresa fra la vallata del Lamone e quella del Senio. Su iniziativa delle sezioni CAI di Lugo, Faenza, Ravenna e della sezione UOEI di Faenza, sono stati individuati due itinerari, rispettivamente di 4 e 6 ore, circa. Avendo come base di partenza il rifugio di Fontana Moneta, gli itinerari si svolgono su sentieri di media collina e ci conducono di valle in valle percorrendo tratti di crinale, numerosi saliscendi, punti panoramici ed attraversando boschi misti di latifoglie, bosco ceduo, boschetti di abete e pino, castagneti. La semplicità dei luoghi e delle testimonianze religiose sono lo specchio della semplicità delle persone che un tempo vi abitavano e percorrevano la rete dei sentieri ancora esistenti per comunicare e trarre sostentamento dalla coltivazione dei campi e dai boschi. L’ambiente agreste gravitava intorno alla parrocchia. Sono ancora esistenti: la Chiesa di Sant’ Andrea a Fontana Moneta, la Chiesetta di Presiola (sull’itinerario disegnato in giallo), la Chiesetta di Fornazzano e la Chiesetta di Croce Daniele (sull’itinerario disegnato in verde).
cartinaLa traccia viola, che in massima parte copre la verde, è il percorso da me effettuato.




Chi era Pier Giorgio Frassati:
notizie
Alcune notizie, la cartina e la biografia di Frassati, sono tratte dal pieghevole prodotto dalle sezioni del CLUB ALPINO ITALIANO di Lugo di Romagna, Faenza, Ravenna e dalla sezione UOEI di Faenza, che gestisce il rifugio di Fontana Moneta.
Per raggiungere il rifugio di Fontana Moneta in auto: da Faenza si prende la direzione di Brisighella e Marradi. Al ponte di Marignano, che fa da confine con la Toscana, si volta a destra verso San Martino in Gattara e Monte Romano. Giunti alla Chiesa di Monte Romano, subito dopo il cimitero si gira a sinistra, in discesa, con indicazione Fontana Moneta.
Toponimo
Posizione
Quota
Tempo
Km.
Fontana Moneta-sent.545*
N44 07 49  E11 36 50
629
0.00
0.00
Fontanone-9/14/20
N44 07 51 E11 36 16
710
0.32
1.40
Bivio- si va a sx- 20
N44 08 15  E11 36 16
702
0.51
2.30
Pian di Volpone- SF/16
N44 08 22  E11 36 12
721
1.02
2.70
Bivio – a dx-16
N44 09 02  E11 36 15
689
1.28
4.10
Bivio- a sx-SF
N44 09 04  E11 36 42
651
1.42
4.80
Sintria-Bivio, a dx poi a sx-17
N44 08 59 E11 37 08
491
2.12
6.50
Chiesa di Fornazzano
N44 09 10  E11 37 16
607
2.22
6.80
Castello
N44 09 17  E11 37 34
718
2.42
7.40
Innesto su 505
N44 09 28  E11 38 28
705
3.14
8.90
Si lascia la strada-1/17/18
N44 09 26  E11 38 28
711
3.17
8.95
Croce Daniele-1/17/18
N44 08 45  E11 38 08
679
3.43
10.4
Ca’ Fontecchio
N44 08 29  E11 37 44
641
3.55
11.3
Incrocio- a sx-15/17/18
N44 08 19  E11 37 32
661
4.19
12.4
Ca’ Valcamara v.
N44 08 07  E11 37 16
608
4.30
13.1
Ca’ Val Croce
N44 07 52  E11 36 57
610
4.53
14.0
Auto
N44 07 49  E11 36 50
620
5.00
14.5
Tempo         ore 5.00 + le soste
Dislivello      m 750 in salita e discesa
Lunghezza   Km. 14.500 circa
*I numeri dei sentieri rossi sono CAI, quelli arancioni sono UOEI.
Bivio in prossimità di Fontana Moneta. Si va a destra in salita.


02Segnavia CAI e UOEI. Si sale sempre sulla strada sterrata lasciando perdere le deviazioni a sinistra per il Monte Toncone.

05Area picnic il Fontanone. Si continua lungo la strada.07 Dopo aver costeggiato un castagneto si lascia la strada per andare a sinistra su sentiero.08Zoomata sulla cima del Monte Toncone.11Zoomata sull’ Osservatorio di Monte Romano.12 Pian di Volpone. Qui ci si innesta sul Sentiero Frassati/b che, partito da Fontana Moneta, dopo aver toccato il Monte Toncone transita di qui. Si segue il sentiero a destra.15Dopo aver percorso un tratto abbastanza lungo del crinale che separa la valle del Senio dal Sintria, poco prima del Monte Pianaccino si volta a destra repentinamente. Si cammina un po’ in piano poi  una ripida discesa porta ad uno stradello sterrato. Si va sinistra e dopo aver attraversato uno splendido castagneto, si sfiora ca’ la Valle e si giunge al torrente Sintria. Passato il ponte si volta  a destra e quasi subito a sinistra in ripida salita.17 Si transita fra i ruderi di una casa, ed in breve si giunge alla…23Chiesa di Fornazzano.20 Segnavia Sentiero Frassati.29Dopo aver attraversato la strada il sentiero riprende a salire, sbuca su un prato dove bisogna stare a destra fino ad una casa. Si va a sinistra dietro la casa, dove il sentiero, tagliando  diagonalmente il prato in salita, si infila dentro al bosco per giungere in breve ai ruderi del Castello di Fornazzano. 30
Castrum  Fornazani, soggetto nell’XI secolo alla Chiesa faentina col nome pure di Montis Rotundi, venne in potere nel 1280 di Ugolino Fantolini e quindi, per compra, nel 1309 di Francesco Manfredi. Nel 1368 Anglico, legato pontificio in Romagna, lo toglieva a Giovanni Manfredi; Astorgio Manfredi nel 1376, lo toglieva a sua volta alla S.Sede, alla quale però era costretto a renderlo nel 1404. Sette anni dopo Giovanni XXIII lo concedeva ai Manfredi di Marradi, ma nel 1441 Eugenio IV lo riconfermava ad Astorgio e restava soggetto ai Manfredi di Faenza finché nel 1506 i Veneziani, conquistata la Romagna, lo smantellarono definitivamente. (da Rocche e Castelli di Romagna-di AA.VV.)
33Si scende bruscamente dal poggio arrivando ad una sella galestrata sotto Monte Piansereno.  Camminando attraverso un rado bosco si giunge al sentiero 505 nei pressi di Ca’ di Malanca.35Si va a destra sulla strada sterrata per rientrare quasi subito nel bosco in prossimità di una edicola dedicata al Beato Frassati. Sentiero CAI 505.37Zoomata sul poggio del Castellaccio.41Dopo circa 30 minuti di cammino si arriva al ristorante di Croce Daniele, luogo “molto” adatto ad una sosta.39 Documento affisso all’interno del ristorante, che  spiega l’origine del toponimo “Croce Daniele”.43 Il sentiero per il ritorno a Fontana Moneta riprende sotto la chiesetta.45Superata ca’ Fontecchio si perviene a una bivio, si va a sinistra e al successivo, a destra.48 Il sentiero scende a destra prima della Valcamara vecchia. Bella casa in sasso, ristrutturata.50Si giunge di nuovo al torrente Sintria, dove c’è da superare un piccolo passaggino “attrezzato”.51Dopo aver incrociato il sentiero CAI 543, anche Sentiero Frassati/a, si va a sinistra, si raggiunge Ca’ Val Croce che rimane sulla strada per Fontana Moneta, distante appena 5 minuti.

2 commenti:

Giuliano ha detto...

Posti meravigliosi mi verrebbe sempre la voglia di partire

Stefano ha detto...

Un blog davvero interessante,complimenti!

Related Posts with Thumbnails